VITTORIO GASSMAN: VENTI ANNI DALLA MORTE

 

 

 

  • Vittorio Gassman è stato un grandissimo attore italiano, ma non solo.
  • Gassman è stato attore teatrale e cinematografico e televisivo.
  • È stato un grande attore drammatico; è stato un grande attore comico; è stato grande nel recitare poesie, è stato grande quando ha fatto pubblicità.

LA GIOVINEZZA.

  • Vittorio Gassman nasce il 1° settembre 1922 vicino a Genova.
  • Il padre è un ingegnere tedesco
  • Insieme alla famiglia, Gassman si trasferisce  prima in Calabria e poi a Roma.
  • A Roma Gassman studia  al liceo classico e all’Accademia nazionale d’arte drammatica.

LA CARRIERA.

  • Gassman, dotato di un fisico prestante, giocò la finale scudetto nel 1942.
  • Il debutto a teatro è del 1943 a Milano nella Nemica, famosa commedia di Niccodemi.
  • Nel 1945 debutta nel cinema.
  • Nel 1949 recita nel film Riso Amaro con la regia di Giuseppe De Santis.
  • Riso Amaro è uno dei capolavori del neorealismo italiano.

  • Il film  gli dà fama internazionale.
  • Gassman continua la sua attività teatrale segnalandosi come attore impegnato e coraggioso.
  • Porta sulle scene testi  difficili: ad esempio nel 1960 porta in scena l’Orestiade di Eschilo, il famoso drammaturgo greco del La traduzione del testo e la regia teatrale sono di Pier Paolo Pasolini.
  • Nel 1958 il regista Mario Monicelli aveva scelto Gassman per un ruolo nel film I soliti ignoti: è un grandissimo successo che segna il debutto di Gassman nella comicità della commedia all’italiana.

  • Un altro grandissimo successo di Gassman con la regia di Monicelli è L’armata Brancaleone.

  • In tutto Gassman ha recitato in più di 100 film.
  • Il suo ultimo film è stato  La bomba di Giulio Base nel 1999, un anno prima di morire.
  • Negli anni novanta Gassman incrementa la sua presenza in teatro.
  • Negli anni ’60 aveva investito i suoi guadagni del cinema per fondare il Teatro tenda.
  • L’obiettivo del Teatro tenda è avvicinare al teatro un pubblico che abitualmente non lo frequenta per limiti geografici e sociali.

Qui lo vediamo in un suo spettacolo dove recita un brano di Affabulazione di Pasolini.

  • In RAI nel 1959 Gassman ha dato vita a uno spettacolo in più : Il Mattatore.
  • Il Mattatore fu un’esperienza atipica: era un’insieme di spezzoni dove il Mattatore, Vittorio Gassman esprimeva tutte le sue abilità: dalla recitazione alle abilità fisiche e acrobatiche.

Nel filmato che segue un’omaggio a Vittorio Gassman in occasione della consegna del Leone d’oro alla carriera nel 1996.

Download PDF

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *