BOLOGNA. SALVINI, IL FLASH MOB, I CENTRI SOCIALI

  • Il 26 gennaio  2020 ci saranno le elezioni per scegliere il nuovo presidente della Regione Emilia-Romagna.
  • L’Emilia-Romagna è una regione tradizionalmente governata dalla sinistra.
  • Se il centrodestra vincesse in Emilia-Romagna sarebbe un segnale molto forte nella politica italiana.
  • Il 14 novembre Matteo Salvini (Lega) ha aperto la campagna elettorale a sostegno della candidata del centrodestra a sindaco di Bologna.
  • La candidata è Lucia Bergonzoni.
  • Il luogo scelto per l’avvenimento è il PalaDozza.
  • PalaDozza è un luogo simbolo per la sinistra e ha una capienza di 5570 persone.
  • Quattro giovani bolognesi hanno lanciato attraverso FaceBook  un flashmob.
  • Un flashmob è appunto un raduno di piazza, organizzato via internet, per inscenare un evento insolito e veloce.
  •  L’evento si chiamava “Bologna non si Lega” e l’obiettivo era riempire Piazza Maggiore con persone “strette come sardine“.
  • L’obiettivo era essere almeno 6 mila persone (quindi più dei 5570  leghisti del PalaDozza).
  • All’evento hanno partecipato più di 11 mila persone.

 

  • Duemila giovani dei centri sociali hanno cercato, invece, di raggiungere PalaDozza ma sono stati fermati dalla polizia con gli idranti.
Download PDF

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *