VERONA: CORI RAZZISTI. BALOTELLI REAGISCE

  • Domenica 3 novembre A a Verona si è disputata la partita Verona-Brescia.
  • Al 9′ minuto del secondo tempo Mario Balotelli ha calciato il pallone verso la tribuna e ha cercato di lasciare il campo di gioco.
  • Balotelli è stato trattenuto da compagni di squadra e avversari.
  • Che cosa era accaduto?
  • Balotelli, che come sappiamo è di colore, aveva ricevuto cori con il verso della scimmia e si era stancato di fare finta di nulla.
  • La partita è stata sospesa per 4 minuti.
  • Luca Castellini, capo della tifoseria del Verona, ha detto che il gesto di Balotelli è una pagliacciata e che la tifoseria del Verona non è razzista.
  • Peccato che Castellini, esponente del movimento di estrema destra Forza Nuova, abbia  poi detto che Balotelli “non è del tutto italiano”.
  • In seguito a queste dichiarazione l’Hellas Verona ha espulso il capo ultrà  Castellini dai campi di calcio fino al 2030.
  • La risposta di Balotelli è stata: “Ignoranti vergognatevi”.
  • Anche gli ispettori della Federazione Calcio hanno sentito i cori razzisti.
  • Martedì 5 novembre si pronuncerà la giustizia sportiva.

BALOTELLI È ITALIANO

  • Balotelli nasce a Palermo il 12 agosto del 1990; i genitori sono immigrati del Ghana.
  • La famiglia si trasferisce, quando Mario ha due anni,  a Brescia.
  • In seguito Mario, per le difficoltà della famiglia di origine,  è dato in affido alla famiglia Balotelli.
  • L’affido – per cavilli giuridici – non si trasformato in un’adozione, quindi Mario assume la cittadinanza italiana a. 18 anni, al compimento della maggiore età.
  • Mario Balotelli è italiano.
Download PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *