BAMBINO PROFUGO E DISABILE MUORE. RIFIUTATA L’ASSISTENZA

  • Adan, bambino iracheno di 13 anni è morto a Bolzano.
  • Adan era affetto da distrofia muscolare.
  • Nel 2015 la sua famiglia lascia Kirkuk, città irachena, dove una sorella di Adan era morta sotto le bombe.
  • La famiglia (padre, madre e 4 figli) raggiunge con difficoltà la Svezia e chiede asilo.
  • Dopo 2 anni la Svezia rifiuta la protezione.
  • La famiglia prende il treno e viaggia verso Sud.
  • Arriva a Bolzano il 1° ottobre e Adan è ricoverato in ospedale per problemi respiratori.
  • Il giorno dopo il bambino, nonostante la disabilità e la mancanza di un posto dove stare, viene dimesso.
  • La famiglia è aiutata dai volontari, ma non dalle istituzioni.
  • Una circolare della provincia di Bolzano (circolare Crivelli) vieta di aiutare chi ha già fatto domanda d’asilo altrove.
  • La famiglia di Adan, quindi. passa le giornate nei giardini della stazione, al freddo, e di notte dorme dove può, spesso sul pavimento.
  • Il 6 ottobre Adan, stremato, cade dalla sedia a rotelle e si frattura le gambe.
  • La famiglia riporta Adan in ospedale.
  • Adan è ricoverato.
  • E’ tardi: il 7 (o l’8) ottobre Adan muore.
  • Le associazioni di volontariato parlano di “morte annunciata”  e chiedono l’abolizione della circolare Crivelli, che ha impedito l’accoglienza della famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *